m.a.x. museo

Indietro
Avanti

Mostre

26.09.2021—27.03.2022

La mostra, che è in programma al m.a.x. museo, propone un’indagine e una riflessione sul tema dei trasporti con particolare riferimento alla realizzazione alla messa in esercizio della Galleria di base del Ceneri.

Chiasso, in questo contesto, ha svolto e svolge un ruolo particolare. Città di confine, ha conosciuto un notevole sviluppo in stretta correlazione con la ferrovia, in linea con quanto è avvenuto nel resto d’Europa e in America, dove, già sul finire dell’Ottocento l’avvento e l’affermazione della “strada ferrata” ha contribuito alla crescita economica, sociale e anche culturale. Il trasporto ferroviario è progressivamente assurto a simbolo di spazio di confronto e di scambio per eccellenza. Molti pittori – da Joseph Turner nel 1844 al futurista Fortunato Depero nel 1924 – hanno raffigurato la locomotiva come il simbolo della velocità e del progresso. Il manifesto, strumento pensato per veicolare l’informazione sulle nuove opportunità offerte dal trasporto ferroviario, sul finire del XIX secolo ha beneficiato dello sviluppo tecnico a stampa cromolitografica. La mostra al m.a.x. museo prevederà l’esposizione di manifesti, grafiche litografiche, cartoline, dépliant, orari ferroviari, video, pubblicità e loghi, ricordando il grande grafico svizzero Müller-Brockmann.

Sullo sfondo, l’idea che oggi, nell’era della globalizzazione, il treno può contribuire a far emergere la consapevolezza del fatto che tutti noi siamo immersi in una dimensione più aperta e interconnessa.

L’esposizione, in collaborazione con il Museo svizzero dei trasporti, il Museum für Gestaltung di Zurigo, la Graphische Sammlung – Schweizerische National-bibliothek di Berna, nasce come progetto integrato di mostra con il Museo Nazionale Ferroviario di Portici (Napoli). La mostra vanta importanti prestiti anche dalla Civica Raccolta delle Stampe “Achille Bertarelli” di Milano e da collezionisti privati.

Le date del periodo espositivo sono suscettibili di modifiche in base alle disposizioni istituzionali.