Spazio Officina

Vi aspettiamo domani, sabato 18 marzo, alle 18.00 per inaugurare la mostra a Spazio Officina “Un secolo di jazz. La creatività estemporanea”. Non mancate, perché il jazz non solo lo sentirete, ma lo vedrete.

 

Per elaborare la veste grafica di cover e poster di musica e concerti jazz, infatti, vengono coinvolti fin dagli anni ’40 giovani artisti, grafici e illustratori che metteranno a punto soluzioni cromatiche e compositive innovative e che diventeranno poi noti a livello internazionale: Andy Warhol, Josef Albers, Reid Miles, Niklaus Troxler, David Stone Martin, Gill Mellé, Don Schlitten, Max Huber, Guido Crepax …

 
In mostra oltre 300 cover, manifesti, il primo disco jazz in gommalacca del 1917, splendidi grammofoni della fine dell’Ottocento e dell’inizio del Novecento, un fonografo con cilindro di cera e uno a doppia tromba, una fonovaligia Odeon portatile, un raro registratore a bobine, edizioni e spartiti divenuti celebri, supporti sonori pre-discografici, epistolari, contratti, libri, riviste, strumenti jazz appartenuti a celebrità, una sezione fotografica, spezzoni di film per immergersi nel clima jazz e la prima registrazione in Svizzera con una jazz band svizzera (20 aprile 1929).